La historia de nuestros Jamones y embutidos ibéricos

"Possiamo dirti molte cose sulla nostra storia, possiamo scrivere sui nostri nonni, i nostri genitori, su di noi e sui nostri figli, ma prima vogliamo che comprendiate la nostra essenza, il nostro modo di comprendere il mondo del prosciutto e dei salumi, il nostro modo di vedere la vita.

Per noi non importa quello che hai, conta quello che fai e ciò che ti definisce, conta essere felice, importa sentirti orgoglioso di te stesso e del tuo modo di guadagnare da vivere."


Dedicarci a un settore basico come l´alimentazione e fornire prodotti come prosciutto, paleta (spalla) o salumi iberici così riconosciuti in tutto il mondo è per noi una sfida molto importante che vediamo più che premiata con lo stilo di vita che abbiamo e che ci consente di mantenere valori fondamentali come la famiglia. Inoltre, l'orgoglio di sentirsi riconosciuti dal settore, che ci porta ad essere premiati gli ultimi anni con diversi premi, ci incoraggia a migliorare noi stessi ogni giorno.

Da un camion con maiali e pecore alle fiere gastronomiche di Milano

La mia storia è stata simile a quella di molte altre persone della mia generazione, molto dura all´inizio e migliorata a poco a poco, con un grande sforzo e sfruttando le opportunità che si sono presentate con la trasformazione economica del paese.

All'inizio degli anni '50, quando avevo 10 anni, dovevo lasciare la mia casa e andare a Madrid per lavorare in un pollaio per guadagnarmi da vivere. Dopo aver attraversato diversi macelli e fattorie, ho iniziato a sviluppare la mia attività come commerciante di bestiame.

Il camion delle pecore

Sono andato e sono venuto per tutte le fiere in Spagna per guadagnarmi da vivere con il bestiame fino a quando ho incontrato mia moglie, Candida, che mi ha sistemato e mi ha fornito la stabilità di una casa con i bambini.

Con la mia piccola fattoria, in uno dei miei viaggi a Madrid per vendere il bestiame, ho avuto un piccolo incidente con le pecore che avevamo in due piani sul retro del camion. A quel tempo, le condizioni di sicurezza erano quasi inesistenti in tutte le aree e la verità è che molto poco è successo a noi. Il fatto è che un po 'del pavimento è caduto dall'alto verso il basso causando la morte di alcuni di loro, quindi ho dovuto fermarmi sulla strada e dissanguare quelle che erano morte in modo che almeno la carne non fosse persa. Sono tornato a casa per fare riparazioni nel camion e ho dato la carne ai vicini per approfittarla.

Da allora, non è passato un giorno senza che i vicini scherzassero con me dicendomi di aspettare che avessi un altro incidente per portare loro un'altra paleta (spalla). Dallo scherzo siamo andati all'azienda poco a poco e abbiamo finito per mettere una macelleria nel villaggio in cui tutti i vicini sono andati.

La macelleria del villaggio

Abbiamo iniziato a preparare salumi e prosciutti per venderli nella macelleria. A quel tempo, tra novembre e febbraio, abbiamo ucciso 1 o 2 maiali a settimana che abbiamo sviluppato con l'aiuto di zia Luteria o zia Eusebia che non erano zie di famiglia, in quel periodo chiamavamo le zie a tutte le signore anziane in segno di rispetto e affetto. Tutti i nostri prosciutti, salumi e salsicce venivano dai nostri maiali allevati in libertà, completamente naturali, senza additivi e guariti artigianalmente. Ci piace credere che continuiamo così, anche se ora invece di avere una produzione di 100 prosciutti e 100 spalle all'anno, ne facciamo 5.000.

Artigiani iberici

Per la produzione e trasformazione era necessario molto lavoro, non céra nessuna macchina per infilare, la salatura, essiccazione e stagionatura dei salumi, prosciutti e spalle erano fatti in magazzini di vecchie case con soffitti in legno, tranne il momento di maggior rischio per il prosciutto nel post salato. Per questo, si affittava a Guijuelo un magazzino per tenere il prodotto.

Alla fine degli anni '90 del secolo scorso grazie al successo del sapore dei nostri salumi era il momento di crescere, ma per noi è stato molto importante continuare a mantenere lo spirito artigianale e non perdere l'identità, così, mentre abbiamo investito in infrastrutture abbiamo anche fatto la prima bozza per porre le basi e di fondare l'Associazione di Artigiani dello Iberico costringendo di controllare l'intero processo di creazione di salumi di suini dalla riproduzione e il loro sviluppo nel campo fino allo sviluppo del tutto naturale e senza ingredienti artificiali dando vita a un prodotto unico e di alta qualità.

Una famiglia unita

Zia Eusebia mi ha insegnato che un ramo qualsiasi lo rompe, ma un fascio di rami insieme è molto più difficile di spezzare e, appunto, aver reso la mia famiglia come un fascio di rami è quello che mi sento più orgoglioso e fortunato. Essere riuscito a mantenere la mia famiglia insieme in città e con un progetto comune che tutti partecipano a prendere una parte diversa del business è il mio più prezioso successo.

Mia moglie, lei indossa ancora il negozio del villaggio ed è la spina dorsale della famiglia. Ogni giorno ci porta tutti insieme a mangiare a casa e ci tiene uniti.

Il mio primogenito Faustino si occupa di tutto ciò che è collegato con il campo e la fattoria. Cerca aziende adatte all'allevamento, si assicura che le nostre siano perfettamente preparate, propone tutte le certificazioni e si occupa di tutti i lavori di manutenzione.

Ana, la seconda dei miei figli, si prende cura dell'ufficio e dei clienti privati. Il mondo dei salumi è pieno di regole da rispettare per raggiungere una o l'altra classificazione ed è Ana che osserva che il nostro prodotto finale soddisfa tutti i requisiti per essere classificato con la massima qualità.

Diego è responsabile della fabbrica, delle sue strutture e dei processi di stagionatura di prosciutti, spalle e salumi. Inoltre, mantiene i conti di tutti i nostri clienti professionali.

Miguel Ángel, il più giovane della famiglia, è responsabile per i negozi e il nostro rappresentante all'estero.

I miei figli sono cresciuti con la fabbrica e la vivono come un progetto molto più importante di un mezzo economico di vita. Vivono l'azienda per sentirsi orgogliosi, per fare qualcosa di speciale e unico che mantenga il modo tradizionale di preparare salumi e prosciutti.

Io, a 76 anni, sono ancora dedicato in anima e corpo. Visito tutti i giorni le aziende, la fattoria e le strutture. La differenza è che ora lo faccio per amore della mia vita e non tanto quanto l'obbligo di sostenere la mia famiglia come quando ho iniziato.

Spero sinceramente che vi godiate tutti i nostri prosciutti e salumi iberici preparati in modo tradizionale e artigianale.